Ort Village

“Il Giardino dei Semplici”e l’orto villaggio
Si intende attivare, presso il centro di accoglienza “Art Village” sito in San Severo(FG), l’esperienza della Horticultural therapy, metodo riabilitativo del disagio e della disabilità che appartiene all’ambito delle terapie occupazionali e alla quale il mondo scientifico oggi riconosce la capacità di avere un effetto positivo sul benessere psicofisico delle persone indipendentemente dalla presenza o meno di uno stato di patologia. In generale emergono risultati positivi sul piano cognitivo, psicologico, fisico e sociale producendo benefici in termini di benessere individuale, miglioramento della qualità della vita e della coesione sociale. La vita all’aperto in stretto contatto con la natura, il sole, l’aria fresca, oltre a giovare al fisico, incoraggia l’attività di relazione, ha una funzione ricreativa ed educativa, contribuisce a risvegliare interessi, stabilità emotiva, consapevolezza di se e del tempo; ha effetti antidepressivi e calmanti, migliora l’umore e le facoltà mentali. Prendersi cura di organismi vivi, in gruppo, stimola il senso di responsabilità, la socializzazione, sollecita l’attività motoria, migliora il tono generale dell’organismo e dell’umore, attenua stress, ansia, inoltre permette di essere autosufficienti sul piano dell’alimentazione e un valido coadiuvante delle terapie tradizionali.
Il giardino/orto verrà realizzato nei terreni messi a disposizione dall’Art Village- ASL FG e alla sua realizzazione contribuiranno tutti i frequentanti l’Art Village, a partire dai ragazzi che frequentano e svolgono attività quotidianamente nel centro accoglienza, ai frequentanti i laboratori pomeridiani del “Cantiere delle arti” insieme agli operatori ed animatori. Inoltre il centro ospita 4 nuclei familiari che contribuiranno alla cura dell’orto/giardino e all’utilizzo culinario quotidiano e non solo dei prodotti realizzati a kilometro zero. A capo di questa progettualità ci saranno n°4 responsabili, ma non unici responsabili, dell’orto/giardino ai quali fare riferimento per qualsiasi esigenza e necessità.
L’iniziativa inizialmente circoscritta al centro di accoglienza avrà l’intento di ampliare la rete con enti solidali e le scuole attraverso un programma che promuova l’utilizzo di prodotti alimentari e non solo a km zero.

a) Obiettivi
1. L’orto e il Giardino dei Semplici vuole essere una occasione che avvicina le persone alle piante e ai cicli naturali di crescita in un ambiente dove s’impara solo sperimentando.
2. Acquisire competenze e abilità che permettano di auto produrre e auto sostenersi.
3. Realizzare attività attraverso le quali tutti i frequentati il centro di accoglienza Art Village e non solo, verranno stimolati ad utilizzare i propri sensi per mettersi in contatto con la natura e sviluppare abilità svariate, quali l’esplorazione, l’osservazione e la manipolazione.
4. Partecipare con senso di responsabilità ad un progetto comune.
5. Prendersi cura della terra come strumento di costruzione di processi di socializzazione, integrazione e scambio.
6. Aumentare l’autostima, attenuare ansia, stress e stimolare aspetti cognitivi (es. attenzione, memoria..)
7. Migliorare il benessere fisico e psicologico delle persone.
8. Rispettare e prendersi cura dell’ambiente.

b) Attività
1. Prendersi cura giornalmente del giardino e dell’orto: perimetrazione e recinzione dell’area adibita ad orto, preparazione e dissodamento del terreno attraverso lavorazione meccanica, scelta delle specie da coltivare a seconda delle esigenze stagionali, preparazione dei semenzai, ampliamento dell’impianto automatico di irrigazione e avvio delle attività colturali.
2. Ciascun laboratorio del “Cantiere delle Arti” dell’Art Village si prenderà cura di una parte dell’orto/giardino; ad es. la zona delle melanzane verrà curata dal laboratorio di violino, la zona dei peperoni sarà curata dal laboratorio di fumetto e writing ecc…
3. Documentazione tramite video e foto che descrivano la varie fasi di realizzazione del giardino e dell’orto.
4. Abbellire il giardino/orto: – realizzazione di “targhe” sulle quali verranno riportate tutte le informazioni delle piante in questione, il nome, la famiglia di origine e le indicazioni terapeutiche; -realizzazione di spaventapasseri.
5. Ideare filastrocche, fiabe, poesie, rappresentazioni teatrali dedicate alle piante.
6. Realizzare calendari/schede informative e illustrative delle piante presenti nell’orto/giardino e di altre non necessariamente presenti.
7. Realizzare preparati a base di erbe officinali: tisane, decotti, infusi, oleoliti, saponi ecc.. in modo da sviluppare le capacità manuali, apprendere ed utilizzare tecniche specifiche.
8. Creare per ogni pianta una melodia che la identifichi. Ogni laboratorio musicale metterà in musica l’ortaggio o la pianta di cui loro stessi si stanno prendendo cura e le musiche realizzate verranno utilizzata per le rappresentazioni teatrali.
9. Effettuare pranzi, come già di consueto, a base di alimenti colti nell’orto/giardino dell’Art Village.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...