Proposte didattiche scuola secondaria inferiore

PROPOSTA SCOLASTICA
“CANTIERE CIVICO DELLE ARTI”

INTRODUZIONE:
UN PO’ DI STORIA
La Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (sigla internazionale CRC: Convention on the Rights of the Child), promulgata dall’ONU il 20 novembre 1989 e ratificata dal Parlamento italiano il 27 maggio del 1991, è il testo di riferimento a livello giuridico e culturale per la promozione, la tutela, il rispetto dei Diritti dei bambini/e e dei ragazzi/e.
Nella sua articolazione, oltre ai diritti fondamentali legati alla sopravvivenza e alla tutela dell’integrità psico-fisica, dallo sfruttamento, dall’abuso, dalla guerra, sono enunciati tre tipi di obiettivi per realizzare la “piena cittadinanza” dei bambini :

 quelli connessi alla crescita e diffusione nella società e nella comunità locale di una cultura dei Diritti che produca un incremento di consapevolezza sociale e promuova il senso di responsabilità / reciprocità nell’esercizio dei diritti (e dei conseguenti doveri) da parte dei cittadini giovani e adulti;
 quelli relativi alla tutela degli aspetti fondamentali (dal punto di vista pedagogico, sociale, familiare, educativo, ambientale, etico) per lo sviluppo della personalità e la qualità della vita dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze;
 quelli orientati alla promozione di opportunità, per accedere a saperi e competenze adeguate ai processi socio-economici, per esercitare forme di cittadinanza attiva partecipando concretamente alla costruzione della realtà presente e allo sviluppo della collettività in cui vivono.

La direttiva “linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità”, del 16 ottobre 2006, istituita dal Ministero della Pubblica Istruzione, propone una rilettura dei valori di cittadinanza, di democrazia e di legalità anche considerando i cambiamenti sociali e culturali, riconoscendo all’educazione alla legalità una dimensione formativa trasversale ai saperi.
La cultura della cittadinanza e della legalità, come risultato delle esperienze e delle conoscenze acquisite anche al di fuori della scuola, va però costruita con la partecipazione dei ragazzi, delle ragazze, delle famiglie e di tutti i soggetti dell’educazione. La recente normativa offre agli studenti strumenti concreti per partecipare con responsabilità e consapevolezza alla vita della scuola, esercitando diritti e doveri e intervenendo come soggetto attivo che con pari dignità rispetto a tutti gli altri soggetti della scuola.

Programmazione condivisa, consulenza ed attuazione di programmi integrati ed attività culturali, sociali ed artistiche finalizzate alla realizzazione di percorsi di inclusione e di supporto sociale ed educativo, di promozione e tutela della salute,della cittadinanza attiva e della legalità,all’adozione dei quartieri col programma “Scuola-Città-Cantieri civici”,

PROGETTO:

Le attività sono finalizzate a promuovere il recupero e la valorizzazione di spazi comuni presenti nelle istituzioni scolastiche per la realizzazione di “cantieri” e laboratori permanenti di creatività, intesi quali ambienti vivi di partecipazione, di incontro e di apertura della scuola al territorio per favorire l’integrazione, il senso di responsabilità e di cura dei beni comuni. Gli obiettivi cui i progetti devono tendere sono i seguenti:

  • recupero, riqualificazione e abbellimento di spazi della scuola, anche attraverso un diverso utilizzo degli spazi scolastici;
  • realizzazione di scuole accoglienti, aperte al territorio, che favoriscono processi di integrazione e multiculturalismo;
  • sinergia tra le esigenze scolastiche e la creatività degli studenti.

LABORATORIO DI CREATIVITA’ URBANA

aree tematiche:

– Reddito di Cittadinanza
– Promozione della Salute
– Cittadinanza Attiva e Qualità Urbana
– Educazione alla Legalità

aree didattico/formative:

• street art
• disegno e illustrazione
• tecniche pittoriche

SPAZI DI LAVORO

Le attività si svolgeranno in 2 diversi contesti ambientali:

1) Indoor/ all’interno degli spazi disponibili presso la struttura scolastica ospitante:

• fase progettuale(sviluppo dei temi)
• disegno e illustrazione
• tecniche pittoriche

• 2) Outdoor/ all’esterno degli spazi della struttura scolastica ospitante:

• organizzazione strumenti di lavoro
• tecniche polimateriche
• fasi operative dei lavori

FINALITA’ :
Obiettivi generali
Creare contesti in cui è data la possibilità ai ragazzi e alle ragazze di :
 esercitare la propria cittadinanza,
 costruire il senso di appartenenza alla propria comunità e ai luoghi di vita (scuola, quartiere, città) ed il rispetto dello spazio urbano;
 imparare a lavorare in gruppo e ad ascoltarsi reciprocamente;
 sviluppare la capacità di negoziare e di costruire decisioni collettive;
 potenziare la qualità della relazione e della comunicazione tra i bambini e con il mondo degli adulti;
 rendere visibili e far comprendere agli adulti le esigenze dei bambini;
 migliorare l’apertura agli altri e al mondo, avere un’esperienza di socializzazione;

Obiettivi specifici
 familiarizzare alla vita pubblica con un’esperienza seria, ma non priva di un risvolto ludico;
 favorire l’impegno responsabile e il rispetto della legalità attraverso la partecipazione sociale;
 comprendere che il proprio lavoro fa parte di un progetto più vasto in cui ognuno ha un compito da svolgere, in uno sforzo concreto di miglioramento e con un obiettivo comune.
 passare dall’essere soltanto informati, fino all’essere protagonisti di un’azione di miglioramento nel proprio territorio ;
 conoscere ed analizzare Convenzione ONU Diritti del Fanciullo
 apprendere competenze socio/relazionali – Life Skills, (promosse dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità ) che si traducono nel:

 saper attuare un ascolto attivo dei diversi punti di vista e confrontare le proprie opinioni con quelle altrui (Empatia e Comunicazione Efficace)

 saper individuare ed analizzare problemi e desideri, individuare soluzioni e tradurle in una logica progettuale che possa essere esperita (Problem Solving)

 saper attuare la mediazione e il cambiamento di se stessi con una gestione non violenta dei conflitti (Gestione delle Emozioni e Capacità di Relazioni Interpersonali)

saper assumere un ruolo critico e propositivo (Pensiero Critico e Creatività)

 saper assumersi responsabilità di co-gestione del processo (Decision Making, Gestione dello stress e Responsabilità)

STRUMENTI E METODOLOGIA:
Alcuni strumenti utilizzati nei laboratori sono:
 L’Ascolto
 La comunicazione attraverso le regole
 Il ruolo attivo
 Laboratori tematici
 La visibilità

STRUMENTI DI LAVORO

Per lo svolgimento delle attività laboratoriali saranno messi a disposizione i seguenti strumenti di lavoro:

Lavori in aula:
Matite assortite • gomme • temperamatite • album da disegno f4 • matite colorate acquerellabili • pennarelli colorati assortiti • acquerelli • pennelli • Scotch carta(nastro adesivo) •
Lavori a parete:
• Vernici Spray(colori assortiti) • Caps(tappi per la fuoriuscita del colore) • smalti ad acqua(colori assortiti) • colla vinilica • Scotch carta(nastro adesivo) • carta per imballaggio • Pennelli e rulli • DPI(dispositivi di protezione individuali) Maschere di protezione 3M • Guanti in lattice(monouso) • sacchetti in plastica per rifiuti •
“CANTIERE CIVICO DELLE ARTI” >>> Istituto Comprensivo Dell’infanzia Primaria e Secondaria di 1°Grado “Palmieri-San Giovanni Bosco”, Viale due Giugno, 71016 San Severo FG
Link FB:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...